Ott 082011
 

La prima volta che ho sentito parlare di Cosplay è stato dalla protagonista di un manga nel lontano 1997… e non avevo nemmeno capito di cosa si trattasse: pesavo fosse una stravaganza propria di personaggi famosi o forse si trattava di “parlare della vita privata di personaggi famosi”? Beh, almeno una cosa l’avevo azzeccata: “personaggi”!

Il Cosplay non mi è mai interessato molto… fino a quando ho capito di cosa si trattasse realmente. A farmi vedere cosa fosse il Cosplay è stata, a sua insaputa, Giorgia Vecchini grazie al suo sito www.giorgiacosplay.com: un giorno, di punto in bianco, ho scritto su Google quella parola che nella mia mente si confondeva con ‘gossip’, poi sono rimasto qualche ora davanti al computer rapito dal sito di Giorgia (che tra l’altro è bravissima); la sera, quando mi sono reso conto che non avevo lavorato per buona parte del pomeriggio, avevo finalmente capito il significato della parola Cosplay.

Il passo più grande che ho fatto nel mondo del Cosplay me lo ha fatto fare la mia fidanzata, anche perché se non fosse stato per lei non so se sarei entrato in questa fantastica dimensione. Quasi di punto in bianco un giorno mi chiede di andare a Lucca a vedere una fiera del fumetto perché voleva essere una cosplayer e lì, a sentir dire, ce n’erano tanti. Ne avevo sentito già parlare in passato dal mio “manga-pusher”, ma non avevo mai pensato di andarci, vista la distanza. Invece, quella volta, quasi senza nessuna possibilità di replica, la mia consorte è riuscita a farmi smuovere e così siamo andati al nostro primo Lucca Comics & Games.

Fantastico!

Non avrei mai e poi mai immaginato di trovare quello che ho trovato: a parte una quantità spropositata di manga, gadgets, accessori e giochi, la cosa più bella da vedere erano le persone, i cosplayer in primo luogo, che esistevano su un’onda portante diversa da quella della gente comune, erano tutti più leggeri, estetici, sognanti (nulla a che vedere con la ‘pesantezza’ del mio capoufficio). Sembrava di stare a metà strada tra sogno e realtà.

Lì ho deciso di essere cosplayer anche io.

Appena dopo la fiera ho impattato violentemente col detto “tra dire e fare…”, comunque è quando mi sono messo a tentare di creare un cosplay che è aumentata ancora di più la mia ammirazione per i cosplayer che nonostante “la vita” riescono a trovare tempo, energie e risorse per fare Cosplay. Comunque entro l’estate successiva ero anche io un “cosplayer”. Metto la parola tra virgolette perché la mia ragazza (che, ricordo, mi ha fatto fare il passo più grande verso il mondo del Cosplay) mi ha anche detto che quell’estate al Rimini Comics ho fatto un grosso passo indietro…

Anche se alcune persone vorrebbero che perdessi la memoria, io ricordo con nostalgia e quasi tenerezza il mio primo “cosplay”. Altre persone, più magnanime, asseriscono solo che chiamare quella cosa col nome di cosplay sarebbe stata una grossa esagerazione. Io invece penso che il mio costume fosse talmente perfetto e talmente reale che sembravo io stesso il personaggio e nessuno si è accorto che stavo in cosplay… anche perché stavo in short, scarpe da tennis, t-shirt e con un pallone da beach-volley in mano… a Rimini… d’estate… vicino alla spiaggia… ero perfetto! Ma nessuno si è accorto di me 🙁
Non posso inserire la foto del personaggio (Razor – Hunter x Hunter) perché è quasi impossibile trovarla su Google-images visto che non è che sia proprio uno dei personaggi principali.
Non posso inserire l’unica foto che ho (autoscatto) del mio “cosplay” perché mi è stato espressamente proibito.

Comunque, poi ho fatto cosplay per davvero e mi sono dilettato principalmente nella creazione di accessori. Sono anche entrato in possesso delle arti fondamentali di taglio e cucito… chi l’avrebbe mai detto!

Ed eccomi qui oggi, a scrivere su questo portale. Il mio scopo personale è far conoscere il Cosplay a quante più persone possibile, ricambiando, in un certo senso, il favore che è stato fatto a me.
Concludo con un appello: cari cosplayer (nuovi, affermati e veterani) mi raccomando, mettetevi in gioco, giocate e divertitevi, ma soprattutto non smettete mai di essere così splendenti ed estetici.

Key-Y

Key-Y presenta a Notte in Cosplay

...mentre presento a Notte in Cosplay